- Parrocchia di Rossano Veneto

Vai ai contenuti

Menu principale:

I NOSTRI MISSIONARI

P. Camillo  scapinca@hotmail.com
Suor Anna  annagastaldello@yahoo.com
P. Matteo matteobizzotto@servi-icms.it
Don Sandro  jj8096@gmail.com


 
 
 

Ringraziamenti di Padre Matteo

Aracaju, 04 Aprile 2018


Carissimo Don Paolo e Parrocchia di Rossano Veneto,

Pace e bene!

I membri della comunità dei Servi del Cuore Immacolato di Maria operanti in Brasile – P. Francisco, P. Franco, P. Vittorio e P. Matteo –, intendono ringraziarvi per il prezioso contributo a sostenimento della nostra Opera di euro 15.000,00.

Ci troviamo ad Aracaju, capoluogo dello Stato del Sergipe, nel nordest del Brasile, a circa 300 Km da Salvador. La realtà dove svolgiamo il nostro apostolato sta cambiando in meglio: tante anime dopo molti anni di lontananza ritornano a Dio, attraverso il sacramento della Confessione; tante famiglie iniziano a comprendere il vero significato della famiglia fondata sul matrimonio; tanti giovani e bambini cominciano a sognare nuovi orizzonti, avendo ora fra le mani delle possibilità più concrete di una vita dignitosa. Oltre alla miseria materiale, infatti, ne esiste una più insidiosa e più difficile da combattere: la povertà morale. E sopratuttto i piú giovani sono attirati dal mondo della droga e della violenza come un facile mezzo per “fare soldi” distruggendo ció che di buono c’é nel loro cuore. Il nostro apostolato cerca di prevenire queste situazioni offrendo i mezzi e l’educazione per una vita migliore. Insomma, la missione sta portando frutti. Tuttavia, siamo consapevoli che si tratta di un cammino arduo e che siamo solamente all'inizio.

Nella nostra Opera si svolgono le verie attività, di formazione umana e spirituale, tra cui i ritiri per ragazzi, un fine settimana al mese dove riuniamo circa 130 giovani di differenti località. Si può dire che dopo anni di sacrifici e delusioni, ora, per tante persone è germogliata la speranza, l'occasione di abbracciare una vita nuova.

Oltre a aiutare materialmente le famiglie (alimenti, vestiti, medicine, materiale scolastico, ecc.), col vostro contributo potremo ampliare il salone per gli incontri, e adattarlo internamente con un palco per il teatro. Davvero una benedizione! Un pó alla volta vorremmo anche ampliare la Cappella e creare altri spazi per gli alloggiamenti. Troverete in allegato, il progetto.

Gesù nel vangelo ha detto: “Chi avrà dato da bere anche un solo bicchiere d'acqua fresca a uno di questi piccoli perché è un discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa.”(Mt 10,42) Voi ci avete donato molto più di un bicchiere d'acqua. Il Signore, che non si fa vincere in generosità, vi ricompenserá per il vostro aiuto. Sappiate che assieme a noi vi ringraziano anche le nostre famiglie, i giovani e quanti vengono beneficiati dal vostro contributo. Vi siamo vicini con la preghiera e con la gratitudine!

“Ricompensa, o Dio, con il dono della tua grazia e della vita eterna, i nostri familiari e tutti coloro che per tuo amore ci fanno del bene”. Con questa preghiera vi affidiamo alla Madonna!

P. Francisco Andrade, Superiore della Comunità
P. Matteo Bizzotto
P. Franco Sengagliesi
P.Vittorio Rossato


Gli auguri di Suor Anna

Caro Don Paolo,
tanti auguri di una Santa Pasqua e che la Pace del Risorto abbracci il mondo intero. Una preghiera speciale per te e per i Rossanesi. Qui tutto bene e il dialogo di pace riprenderà a giorni. Le piogge vanno avanti bene e il granoturco è già' a mezzo metro. Pazienza per le strade fangose e piene di buche... l'importante è che la nostra gente possa produrre cibo.

Ciao a tutti.
Suor Anna


Gli auguri di Padre Camillo


Caro Don Paolo a te e a tutta la Comunità Rossanese,
un fraterno augurio di una Santa Pasqua. Che il Risorto vi benedica a tutti e vi confermi nella speranza che l'amore vince sempre. Grazie per il vostro constante ricordo.

Un Abbraccio fraterno.
P. Camillo dal Perú

QUARESIMA CON I NOSTRI MISSIONARI: Padre Matteo dal Brasile

Il cammino quaresimale offre sempre una ulteriore preziosa occasione per rinnovare la nostra Fede. Lungo le settimane, che conducono alla Pasqua, siamo invitati a ripercorrere la via aspra, ma salutare, di una autentica revisione interiore e comunitaria, aprendo il cuore alla conversione e alla riconciliazione, con noi stessi, con Dio e con i fratelli. I quaranta giorni di questo “tempo forte” sono scanditi dalla Parola di Dio che, con singolare ricchezza, fin dalle origini, ha nutrito la Chiesa, orientandola al Mistero della Passione e della Risurrezione del suo Signore. La comunità cristiana rilegge le vicenda di Israele -in particolare la schiavitù e l’esodo dall’Egitto- come una grande prefigurazione dell’itinerario interiore dell’uomo, che dal peccato risale faticosamente alla luce della Grazia. Ritirandosi nel deserto e subendo per noi ogni sorta di prova e di tentazione, Gesù ci ha ottenuto la forza di affrontare il quotidiano combattimento spirituale, perché potessimo avanzare con fiducia verso la meta. Lui per primo si è preparato alla sua missione pubblica con la preghiera e con il digiuno, per darci un limpido esempio di dedizione totale alla Volontà del Padre -desiderata e amata sopra ogni cosa- che lo condurrà a testimoniare, senza compromessi, la Verità, fino alla Morte di Croce. La meditazione sulla vita del Signore ci introduce nel legame profondo del Figlio di Dio con la nostra umanità: Egli ha compiuto ogni passo e ogni gesto pensando a ciascuno di noi; tutta la sua vita è inscindibilmente legata alla nostra, in ogni aspetto e in ogni circostanza. Essendo Figlio di Dio, il Verbo stesso di Dio, ha un rapporto privilegiato e unico con ciascun uomo. Possiamo ignorare, tradire e negare questo legame indissolubile tra Lui e la nostra vita: e Lui continuerà ad amarci, a perdonarci, ad attenderci e a offrirci nuove occasioni di conversione, fino al nostro ultimo respiro. Possiamo cercare anche altrove risposte che appaghino il nostro cuore inquieto, ma ci ritroveremo, ogni volta, semplicemente più poveri e più disillusi di prima. L’espressione: “Gesù mi ha amato e ha sofferto per me” non è il risultato di un ingenuo “fervorino” o una frase retorica, forse un po’ troppo sdolcinata: è la verità! Noi viviamo, ogni istante, alla sua presenza, contemporanei alla Incarnazione, alla sua “vita nascosta”, ai miracoli e alla sua predicazione; alla sua Passione, Morte e Risurrezione. La nostra umanità è toccata e redenta da Cristo Signore. La penitenza è condizione essenziale, in questo nostro itinerario di conformazione al mistero di Cristo. È la via offerta dal Signore ai suoi discepoli, perché seguano il cammino da Lui tracciato; è anche la via maestra di Fatima, dove tutto riconduce alla santità, alla “misura alta” della vita cristiana. Alla scuola della Vergine, tre piccoli e umili fanciulli divengono inaspettatamente “esperti” nell’arte della preghiera, del sacrificio e della Riparazione. Come per loro, così per noi seguire Gesù significa amare il prossimo come un fratello carissimo: la vera penitenza sfocia inevitabilmente nella cordialità, nella disponibilità, nella attenzione premurosa verso coloro che Dio ci affida. La carità raggiunge chi ci è prossimo; si estende alle nostre case; penetra, come benefica rugiada di Grazia e di luce, nei luoghi dove viviamo e operiamo quotidianamente; si irradia fino ai confini del mondo, accogliendo ogni uomo. Che questo cammino quaresimale trasformi la nostra fede in opere di caritá concreta con chi cammina al nostro fianco.

Un caldo e caro abbraccio dal Brasile!

P. Matteo Bizzotto icms


QUARESIMA CON I NOSTRI MISSIONARI: Suor Anna da Sud Sudan

Caro Don Paolo,

Saluti dal Sud Sudan. Volevo scriverti prima ma ero fuori sede per alcune attività ai cristiani nelle tre zone pastorali della diocesi di Tombura; inoltre abbiamo avuto problemi con internet. Ora mi trovo a Juba per un incontro dei team pastorali delle sette diocesi cattoliche del Sud Sudan: la condivisione è bella e ci aiuta a continuare con le nostre attività sentendoci parte di questa Chiesa che da sempre testimonia pace e perdono ai sessanta e più gruppi etnici di questo bellissimo paese. Le sfide sono tante: guerra, odio, trauma profondi, suicidi, miseria, sfollati e rifugiati, una gioventù ridotta nel numero e nella speranza di un futuro migliore. Ci sono anche tanti squarci di luce che aiutano a non affogare nel pessimismo: la forza di andare avanti con fede e determinazione, la volontà di fare sacrifici per poter andare a scuola, il desiderio forte di pace e l’impegno di molti per costruirla, il coraggio di molte donne di scendere in piazza e dimostrare contro violenza e ingiustizie, l’incontro delle comunità per celebrare la vita, la terra fertile che riesce a sfamare tanta popolazione, nonostante l’insicurezza, la creatività dei giovani di inventarsi attività lavorative, le conversioni, il crescente numero di cristiani e delle ricezioni di quei sacramenti “difficili” (riconciliazione e matrimonio), il numero crescente di vocazioni al sacerdozio e vita consacrata, e, anche, il martirio quotidiano, le tante croci accettate con fede e che generano vita in abbondanza. Per me e’ una grande gioia incontrare le comunità cristiane - e non - durante le attività di formazione che stiamo portando avanti come gruppo pastorale, grazie anche al vostro grande aiuto spirituale e materiale. In aprile cominceremo con la formazione dei leader delle piccole comunità di base impegnate nel promuovere “fede in azione” tra le tante sfide di questa società. Cominceremo con le attività da voi sponsorizzate nella zona pastorale centrale(Central Deanery) in due località, Nzara e Yambio, per poter raggiungere più comunità; in maggio andremo nella zona pastorale occidentale (Western Deanery), in Tombura ed Ezo dove raggiungeremo le comunità tra gli sfollati non solo Sud-Sudanesi, ma anche Centrafricani e Congolesi; In agosto saremo nella zona pastorale orientale (Eastern Deanery), in Rimenze e Maridi. Le tre aree pastorali sono formate da ventidue parrocchie. Oltre a queste, avremo altre attività sponsorizzate – speriamo - da altre agenzie e dal nostro centro, per le donne, i catechisti, i sacerdoti diocesani, e gruppi parrocchiali. Ho richiesto aiuto anche alla diocesi di Padova per tre gruppi di studio per i giovani sulla non violenza (alcuni di loro sono attratti dai gruppi ribelli credendo di costruire la pace attraverso la lotta armata). Insomma, con l’aiuto della Provvidenza noi del centro pastorale speriamo di poter dare non solo speranza ma anche stimoli per un impegno concreto nella ricostruzione della pace e delle coscienze. In questo tempo di Quaresima mi piace pensare che il condividere la croce di Cristo - vissuta da tanti fratelli e sorelle in Sud Sudan e nel resto del mondo – mi chiama ad un impegno attivo nel promuovere i semi di resurrezione presenti. Le difficoltà sono la garanzia di successo, come san Daniele Comboni scriveva: “Le opere di Dio nascono e crescono ai piedi della Croce”.

Buona continuazione della Quaresima e rimaniamo in comunione tra di noi e con Cristo.
Saluti e una preghiera per tutti i Rossanesi.

Sr. Anna Gastaldello

GLI AUGURI DEI NOSTRI MISSIONARI

AUGURI DAL SUD SUDAN
Caro  don  Paolo,  il  Santo  Natale  e’  vicinissimo  e  vorrei  poter  fare  un  grande  regalo  a  te  e  ai  tuoi parrocchiani.  Ricordando  quello  che  quest'anno  e'  stato fatto  grazie alla  vostra  generosità,  penso  il regalo più bello sia il buon esito delle tre attività portate alle donne sfollate. I tre progetti per favorire la guarigione  da  trauma,  condivisione  della  Parola di  Dio  e  formazione  sui  diritti  della  donna  e  del bambino hanno portato una ventata di speranza e di gioioso “stare insieme” condividendo storie e buon cibo.  Ricordo  anche  la gioia  degli  sfollati  di  Yambio  nel  ricevere  il  cibo  donato  dalla  parrocchia  di Rossano  Veneto.  I  sogni  aiutano  ad  andare  avanti  in  quest’oggi  ancora  avvolto  nelle  tenebre della violenza e delle ingiustizie. Grazie per essere parte di questo sogno. Buon Natale e gioioso anno nuovo: che la gioia e Pace del Natale accompagnino te e i parrocchiani lungo tutto il 2018. Ciao.
Suor Anna  annagastaldello@yahoo.com
AUGURI DAL PERU’
Caro don Paolo e comunità Rossanese grazie di cuore per la vostra sensibilità e vicinanza. In questi giorni stiamo celebrando il Santo Natale con bambini e le mamme sieropositive. Ogni giorno si riuniscono  nella  casa  hogar  a  Lima  duecento  persone  e  celebriamo  insieme  il  Natale  con  il    pranzo  e donazioni  per  i  bambini a  ognuno  un  giocattolo  e  per  le mamme  viveri.  É  una  settimana  che  andiamo avanti così e ogni giorno c ́é un gruppo nuovo di persone. Vedere questi bimbi che senza nessuna colpa si trovano a vivere  con questa malattia stringe il cuore. Un grazie sincero per la vostra solidarietà. Che  il Bambino fragile come noi che adoriamo nel Natale vi  benedica tutti e vi  aiuti ad avere  sempre  il cuore solidale. Un augurio a tutti voi e un abbraccio fraterno.
P. Camillo Scapin   scapinca@hotmail.com
AUGURI DAL BRASILE
Caro don Paolo, vi sono vicino con il ricordo e la preghiera in particolare per le tristi vicende di alcune vostre  famiglie.  Che  il  Natale  de  Signore  porti  pace  e  consolazione  in queste  famiglie  e  in  tutta  la parrocchia di Rossano Veneto. Qui tutto bene grazie a Dio! Per Natale stiamo organizzando un evento di beneficienza per i bambini. Ti manderò qualche foto! Un grande abbraccio! Quando vuoi venire le porte sono aperte!
P. Matteo  matteobizzotto@servi-icms.it


Festa di Natale dei Bambini in Brasile

Caro Don Paolo,
Ti allego qualche foto della festa di Natale con i bambini di una zona povera della nostra parrocchia che abbiamo realizzato nella nostra comunitá . Un giorno speciale di svago e divertimento per tutti con giochi, caccia al tesoro, merenda e quant’altro. Nel cuore dei bambini si é accesa una grande allegria in un clima di amore e semplicitá. Tante persone si sono resi disponibili per aiutare, in particolare raccogliendo donazioni di giochi, regali, dolci e addirittura di un tappeto elastico che é stato preso d’assalto dai piccoli. È bello vedere come nella semplicitá di piccole cose si incontri tanta felicitá. Un gesto, un sorriso, un abbraccio: il miglior regalo é sempre l’amore.
Il prossimo mese dovrebbero anche iniziare i lavori di ampliamento dell'opera con la nuova pavimentazione e la costruzione della "Via del Rosario". Ti aggiorneró!
Grazie! Ci sentiamo, buon fine anno!!  Un abbraccio

 
 
 






Padre
Camillo Scapin
dal Perù

 
 
 

INAUGURAZIONE del Centro "Progetto mamme" vedi foto

il Progetto
il 10.03.2017
Caro don Paolo e comunità di Rossano,
un grazie sincero per l’offerta che é arrivata a ottobre. Vi invio alcune foto del centro di riunione e lavoro delle mamme e bambini malati di aids.
I lavori sono cominciati ai primi di dicembre e ormai ultimati. Grazie a voi possiamo curarci di queste mamme e dei bambini che sono in forte stato di necessità. Vogliamo qui queste mamme a lavorare per aiutare un po’ la loro famiglia e il centro che le accoglie. L’opera dovrebbe così trovare alcune entrate per il proprio futuro. Un grazie sincero a tutti voi e che il Signore vi benedica per la vostra solidarietà. Un saluto fraterno. P. Camillo – Missionario Camilliano in Perú

P. Camillo ha telefonato dicendo che ormai il centro è pronto per l’inaugurazione. Con l’offerta inviata dalla nostra parrocchia nell’ottobre 2016 ha potuto anche acquistare il materiale di arredo e così accelerare i tempi per l’utilizzo dell’opera. Ricordiamo che questo è stato uno degli impegni per  il giubileo e che continua la raccolta per coprire la spesa che la parrocchia e il gruppo missionario hanno anticipato.  
Sotto le foto del "Progetto mamme" quasi ultimato.




il 16.12.2016:
Don Paolo tanti auguri a te e alla comunita di Rossano di un felice e santo natale. Sentiamoci vicini nel Signore che viene a salvarci. Un grazie sincero e un abbraccio farterno. Come vedi adesso già si e incominciato la opera. Tanto auguri a tutti.

il 29.11.2016:
Caro don Paolo e comunitá di Rossano un grazie sincero  per il bonifico che é arrivato integro. Vi invio alcune foto di dove si farà la realisazione del centro di riunione e lavoro delle mamme e bambini malati di ads. I Lavori incominceranno ai primi di dicembre e penso che periodicamente vi invieró le foto per farvi partecipi dei lavori che si faranno.  Grazie a voi possiamo atendere a queste mamme e bambini che sono in forte necessitá. Vogliono qui queste mamme lavorare per poi aportare un po per la famiglia loro e un po per il centro che le accoglie. La opera dovrebbe cosí trovare alcune entrate per il proprio futuro. Un grazie sincero a tutti voi e che il Signore vi benedica per la vostra solidarietá. Un saluto fraterno.  P.  Camillo dal Perú  

Guarda le foto del Progetto Iniziale clicca qui



 
 
 

Ci ha scritto don Sandro dal Kenya clicca qui

 
 
 




Prime foto da NZARA:
la nuova missione di Suor Anna
nel Sud-Sudan
clicca qui


Nuova lettera di suor Anna Gastaldello (maggio 2017) clicca qui


Lettera di suor Anna Gastaldello (aprile 2017) clicca qui

Lettera di suor Anna Gastaldello (25 marzo 2017) clicca qui

Ulteriore invio di offerte per
EMERGENZA SUD-SUDAN. Una persona ha donato € 1.000 mentre il gruppo missionario ha aggiunto altri € 1.000 derivanti da varie raccolte. Grazie al coro "Giovaninsieme" che ha voluto donare € 500.  


Abbiamo inviato in Sud Sudan un’offerta a favore degli sfollati e suor Anna Gastaldello ci ha scritto
clicca qui

GRAZIE
ad una persona che ha fatto pervenire € 1.500 da destinare a suor Anna per l’emergenza in Sud- Sudan. Già un benefattore in ottobre 2016 aveva destinato € 5.000 per l’ospedale di Wau. Invieremo questa offerta insieme a quella raccolta dal nostro gruppo missionario che tiene i contatti e le informazioni su tutti i nostri missionari e con il centro diocesano. In occasione del tradizionale mercatino della terza Domenica del mese si raccoglieranno altre offerte per continuare a dare assistenza a queste persone.

Informati sulla situazione del Sud-Sudan:    1 clicca qui     2 clicca qui

 
 
 



Padre Matteo Bizzotto
clicca qui


Comunidade Servos do Coracao Imaculado de Maria
Rua Lago Azul, 50 49005-290
Aracaju - SE - Brasil









 
Torna ai contenuti | Torna al menu