- Parrocchia di Rossano Veneto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Grest 2017
"Con Mosè... verso la terra promessa"







INNO
DEL
GREST

 
 
 



  • modulo d'iscrizione

            clicca qui

  • materiali


 
 
 

...proposte,
eventi e
  incontri...

 
 
 

DOMENICA DELLE PALME  
a Rossano Veneto
clicca qui

 
 
 

8 MAGGIO 2016
GIUBILEO FAMIGLIE
CON IL VESCOVO CLAUDIO
clicca qui

 
 
 

SCATTI FOTOGRAFICI
di Giuseppe Gastaldello
DEL GIOVEDI' SANTO clicca qui

 
 
 

RITIRO GIOVANI del
12/13 marzo 2016
a Schievenin
clicca qui

 
 
 

Partecipa alla
Giornata mondiale della gioventù
GMG  2016
clicca qui


 
 
 

Il nostro gruppo parrocchiale
"Catechesi  2a Media"
con il video "Mani per Accogliere"
si è classificato al terzo
posto
nella sezione gruppi
del concorso
"I love Vides Veneto –
Una casa grande quanto il mondo"
clicca qui

 
 
 

"IN CERCA DI PERLE PREZIOSE"

Orientamenti pastorali
della Chiesa di Padova
2015-2016

clicca qui

 
 
 

PRO VITA


Visita il sitoweb "Pro Vita", dedicato a Chiara Corbella-Petrillo. Esso vuole promuovere i valori della Vita, dal concepimento fino alla morte naturale, e della Famiglia fondata sul matrimonio tra uomo e donna. clicca qui

 
 
 


IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA



GIUBILEO
della
misericordia

notizie aggiornate
clicca qui


 
 
 





inno
del Giubileo

 
 
 

Lettera del Vescovo Claudio
alle comunità della Chiesa di Padova
in vista del Giubileo della Misericordia
                           clicca qui


Date Giubileo per Vicariati  clicca qui

 
 
 





Il giubileo
spiegato ai ragazzi

 
 
 






Annuncio dell'Anno Santo
della Misericordia


 
 
 
 
 
 
 
 

IL NOSTRO
"BENVENUTO"
AL NUOVO VESCOVO
DI PADOVA


Carissimo don Claudio (come ancora desideri farti chiamare),  ti giunga un fraterno benvenuto anche dalla nostra Comunità cristiana di Rossano Veneto. Il tuo motto pastorale «Coraggio, alzati, ti chiama», è tratto dal brano del Vangelo di Marco di questa domenica. Spieghi: «La mia idea era che Gesù non si vede sempre, ma è lui che chiama. (Infatti di fronte ai) discepoli che non avevano sentito il cieco seduto lungo la strada a mendicare che cercava di attirare l’attenzione di Gesù… Gesù stesso li invita a chiamarlo, e i discepoli trasferiscono al cieco la sua parola: "Coraggio! Alzati, ti chiama!". Ecco, questo per me è il compito della Chiesa, nelle loro figure io ci vedo non il vescovo ma la Chiesa tutta, vescovo, preti e cristiani insieme, che sa portare la povera gente a Gesù...Pensare una chiesa a partire dagli ultimi vuol certamente dire prendersene carico. Ma oggi ci sono anche tanti che appartengono alla categoria degli "ultimi" perché demotivati, senza una prospettiva per il loro futuro, senza obiettivi anche quando i soldi non mancano. Questo vale specialmente tra i giovani, ed è un’ulteriore fonte di preoccupazione per la nostra chiesa…».
Da queste poche righe abbiamo compreso il senso paterno della tua presenza e, a confermarlo, alla tua prima celebrazione eucaristica in mezzo a noi ci hai chiesto: "Come state? Come sta la vostra comunità?". Beh… hai già immaginato che non mancano fra noi tribolazioni e problemi, tuttavia ci suggerisci già a quale orizzonte guardare: "il Signore stesso si accosterà a voi per ascoltarvi e sostenervi". Certamente noi pregheremo per te, per la tua missione pastorale ma tu, quale segno di Gesù buon pastore, sta in mezzo a noi perché non ci sentiamo mai soli in questo impegnativo cammino che ci conduce al Regno dell'Amore. Ti aspettiamo…come promesso! Un abbraccio fraterno da tutta la nostra Comunità cristiana.  

Rossano Veneto, Domenica 25 ottobre 2015

Il Direttore del sitoweb
Andrea Guarise

 



...CON SORPRESA...
IL VESCOVO DON CLAUDIO
RINGRAZIA!


VESCOVADO PADOVA ore 15:56  di venerdì 30 ottobre 2015
 

Carissimi fedeli della Parrocchia di Rossano,
ho letto il vostro messaggio di benvenuto che mi avete dedicato sul vostro sito.
Sono molto contento che abbiate ripreso il significato delle parole del motto che ho scelto per il mio ministero episcopale, perché esprime al meglio quella che sento la missione della chiesa verso tutti gli uomini, soprattutto i più poveri ed emarginati.
Vi ringrazio di cuore per la vostra accoglienza ed il vostro affetto, mi fa sentire in famiglia.
Confido nella vostra preghiera e nella vostra vicinanza. Cammineremo insieme.
Vi auguro un buon cammino pastorale e vi saluto cordialmente uno ad uno.

+ Claudio, vescovo


e..."ilgazzettino.it/VICENZA-BASSANO/"
ne riporta la notizia 03.11.2015

clicca qui

 
 
 

GLI ITALIANI E LA BIBBIA

  «E’ un rapporto "singolare" quello fra gli italiani e la Bibbia, intenso e distaccato, ma anche frequente e intermittente, competente e lacunoso, identificato e lontano, diviso e condiviso: al tempo stesso. La Bibbia costituisce un elemento di comunione e, ancora, di distinzione» (p, 7).  
  Così inizia "Gli italiani e la Bibbia", il testo che riassume l'esito di un' indagine demoscopica su un campione di 1560 italiani intervistati dal 19 al 23 maggio 2014, realizzata in collaborazione con l'Università di Urbino «Carlo Bo». Proprio tale inizio permette di raccogliere in maniera adeguata il frutto della ricerca.
Innanzi tutto, a livello di contatto/relazione, gli italiani hanno con la Bibbia un rapporto più intenso che distaccato, frequente anche se intermittente.  Infatti l'81 % degli intervistati vede la Bibbia come un libro interessante, anziché noioso (pp. 99-101), tant'è che il 70% dichiara di aver ascoltato (e il 30% di aver letto) brani tratti dalla Bibbia nel corso dell'ultimo anno (pp. 43-49) e l'80% dichiara di possedere in casa una Bibbia e il 40% di sentirne parlare dalle persone che frequenta (pp. 35- 41). Se, poi, si dovesse andare a precisare ulteriormente, si scoprirebbe che sono soprattutto le donne, con livello d'istruzione alto, tanto <<continua


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu